Perché gli uomini sono stronzi e le donne rompicoglioni

Oggi mi è passato sotto agli occhi questo interessante titolo: "Perché gli uomini sono stronzi e le donne rompicoglioni" Scritto da Alberto de Martini ed edito da Mondadori.
Ha immediatamente attratto la mia attenzione perché speravo che potesse finalmente darmi delle spiegazioni su questo concetto che, dopo svariate pippe mentali, continua a tormentarmi ma la descrizione del libro esordisce con un perentorio "Perché sì".
In pratica lo scrittore parte dal presupposto che le differenze tra i due sessi siano irrisolvibili e che bisogna imparare ad accettarsi e ad amarsi a vicenda (questo sempre secondo la descrizione).
Il libro lo trovo comunque interessante e lo leggerò perché già imparare queste due cose sarebbe un gran traguardo ma temo che la domanda continuerà ad assillarmi.
E' mai possibile che le donne debbano passare sempre per le rompicoglioni, semplicemente perché gli uomini vogliono semplificare, ridurre ed evitare tutto il semplificabile, il riducibile e l'evitabile?
Se una donna esprime le sue frustrazioni, fa notare al proprio uomo un errore che ha fatto o cerca un chiarimento di qualsiasi genere, vedrà il suo interlocutore alzare gli occhi al cielo e nella migliore delle ipotesi si sentirà dare ragione pur di farla stare zitta.
Ma questo è il modo di costruire e far progredire un rapporto? Il dialogo è diventato una rottura di coglioni? Oppure è l'orgoglio che parla e che non vuole sentirsi dire quali sono i propri sbagli, quindi si fa passare colei che sottolinea l'errore come una rompiscatole? 
Il motto della maggior parte degli uomini è: Zero problemi. Della serie finché va tutto bene sei la donna migliore del mondo, appena c'è un problema, qualcosa che non va, qualcosa per cui discutere, lo stai stressando, lo fai sentire oppresso e vuoi sempre litigare.
Come se noi donne ci divertissimo a litigare con loro, come se il nostro passatempo preferito fosse cercare un pretesto per accapigliarsi. Ma siamo impazziti?
Alle donne non piace litigare. Alle donne piace la serenità tanto quanto agli uomini. Solo che gli uomini sono esseri semplici, ai quali bastano tre cose per stare bene. Le quali solitamente sono: cibo, calcio e sesso. Non necessariamente in questo ordine. 
Mentre la donna è un essere complesso, fatto di tante sfaccettature, in grado di percepire le minime variazioni e le più profonde emozioni. 
Scusate se abbiamo un cervello! 
Da quando essere persone ricche d'animo significa essere rompicoglioni?
Per non parlare poi degli uomini che fanno la vittima e che cercano di passare per quelli comandati a bacchetta dalla donna. Che esistano donne iene con le quali non si può sgarrare ho le prove ma sono anche certa che quando un uomo definisce una donna "rompicoglioni" vada preso con le proverbiali pinze.

La dinamica è più o meno questa:
Lei: "Caro ti va bene se non andiamo in quel posto?"
Lui: (per non sentire cosa direbbe nel caso in cui venisse contraddetta) "Sì"
Lei: "Sei sicuro? Se ci sono problemi dimmelo ora."
Lui: (sempre per lo stesso motivo) "No, tranquilla va bene!"

Nei giorni seguenti la discussione in oggetto, al bar con gli amici, si trasformerà in:
Amico: "Oh come mai non sei venuto l'altra sera?"
Lui: "Mia moglie non voleva"

Alla faccia delle decisioni prese di comune accordo!! 
Ed è così che, nei secoli dei secoli, ci siamo fatte la nomea delle rompicoglioni.
Ora io dico: ma è tanto difficile aprire la bocca, muovere simultaneamente lingua e muscoli facciali ed esporre la propria opinione? Di cosa avete paura? 
Che mi risulti i casi di violenza domestica statisticamente sono praticati più da uomini nei confronti delle donne che viceversa! 
Quindi assodato che sarà molto difficile che vi spediremo al pronto soccorso pieni di lividi e fratture, ciò che temete è una discussione? Tutto qui?
Sappiate che i diverbi non hanno mai ammazzato nessuno. Al massimo si cresce e vi assicuro: non è grave!
Ma se non vi volete prendere la briga di discutere, quantomeno evitate di dare a noi tutte le colpe, rovinandoci la reputazione!
Grazie!

Commenti

sospesanelviola ha detto…
beh un pò è vero...noi donne siamo rompicoglioni per certi versi, forse molti...il problema è che dovremmo metterci in testa che gli uomini sono così: scialbi, semplici...maschi...ergo ragionano poco!se imparassimo questo, sicuramente risulteremmo meno rompi!:)
CosmoGirl ha detto…
Eh questo si che è un bel problema! Dove lo dobbiamo nascondere il cervello?? :D
Anonimo ha detto…
Il problema secondo voi è il fatto di essere etichettate rompicoglioni?!? La Donna con la Maiuscola in testa non passerà mai per rompicoglioni...sapere cosa si vuole e come ottenerlo, visto che siete così complete non vi dovrebbe venire così difficile attuarlo, a noi ometti starebbe di un bene guarda!! meditate donne.

Ettore
Anonimo ha detto…
Ettore
mi associo e quoto!!!
Ma non sara' che le signore diventino rompicoglioni perche' semplicemente sono delle insicure e amano far vedere questa sfaccettatura o meglio ...scaricarcela addosso,per vedere quanto siamo disponibili nei loro confronti??No..la butto la' ecco....
Senza magari rendersi conto che se diciamo si e facciamo cose di cui in quel momento non ci frega meno che meno e'per evitare discussioni e farle contente?E' chiaro che dai oggi dai domani,l'etichetta di "rompi" gliela affibbiamo!
Ciao
B. ha detto…
"amore va bene se non andiamo in quel posto?"
"no, ci voglio proprio andare"
"Uffa che palle è noioso la musica è brutta i tuoi amici fanno schifo e non stiamo mai insieme e pensi sempre al lavoro e non capisci le mie esigenze che non so nemmeno io quali sono ma comunque è sempre colpa tua e lavoro anch'io e poi ho i bambini e tu non capisci i sacrifici che faccio per te e quando torni alla sera non fai niente in casa anche se abbiamo la colf e quindi non faccio niente in casa nemmeno io matu comunque non fai niente e devo pensare sempre a tutto io e il mercoledì c'è la champions"
"Guarda, stasera voglio proprio andare là, dove cuoi andare tu ci andiamo domani"
" e uffa ma allora vengono prima i tuoi amici che me ma chi sono io l'ultima ruota del carro anche io ho delle esigenze e poi sono sensibile"
e via dicendo per ore più una settimana di muso lungo. Per questo diciamo sì. Quando crescerete e non vi considerete il centro dell'universo forse potremo riparlarne.

Post popolari in questo blog

L'uomo che non ci ama

Se ti lascia andare via

Il Narcisista