Favola


La fanciulla vagava nel bosco tutta sola, si stava facendo buio e gli alberi cominciavano ad assumere forme minacciose. Indossava ancora il vestito con il quale era scappata dalla bottega che fu per anni teatro del suo amore con il suo fantastico Principe. Teneva lo sguardo fisso a terra per cercare di non inciampare anche se gli occhi lucidi le impedivano di vedere con chiarezza dove stava andando.

Nella bottega dei mestieri aveva vissuto intensi attimi di amore. Il suo Principe le aveva donato tutto se stesso, amandola come nessuno aveva mai fatto. Insieme avevano trascorso momenti indimenticabili e i ricordi si erano impressi nella sua mente come solo i giorni davvero felici sanno fare.
I due innamorati però, proprio per la loro felicità, non passavano inosservati alle forze del male che tentavano in ogni modo di separarli. Diversi malefici li colpirono ma il loro amore era sempre stato più forte di qualsiasi incantesimo e la loro storia veniva raccontata in tutto il Regno come l’esempio vivente della forza dell’amore.
Un giorno, però, mentre la fanciulla guardava beata il suo Principe con occhi innamorati e gli dichiarava tutto il suo amore accadde una cosa tremenda.
Il Principe la guardò con sdegno e le disse che non credeva a una parola di ciò ella proferiva, la accusò di essere una donna di facili costumi e dichiarò di non potersi più fidare di lei.
La dolce fanciulla si sentì venir meno, non poteva credere a quelle parole, il pensiero che il suo Principe non vedesse tutto il suo amore le straziava l’anima. Si fece coraggio, raccolse le forze e provò in ogni modo a far capire al Principe che si sbagliava. Gli disse che non esisteva nell’intero Regno un uomo che valesse la metà di quanto valeva lui e che le sue intenzioni erano sempre state oneste.
Ma il Principe non riusciva più a vedere la purezza del cuore della sua amata fanciulla e pensò che lei gli stesse mentendo. La fanciulla non si arrese e cercò di dimostragli con gesti di puro amore la sua onestà finché un giorno non accadde qualcosa che avrebbe cambiato le sorti del loro destino per sempre.
Il Principe dichiarò di non riuscire più ad amarla come una volta. Al suono di quelle parole la fanciulla sentì il suo cuore trafitto da mille spade e corse via.
Ella sapeva di essere in grado di combattere qualsiasi maleficio, di fronteggiare chiunque ostacolasse il loro amore ma sapeva che quella forza derivava dalla loro unione, da sola non avrebbe potuto nulla contro il male.
Ormai persa nel fitto buio del bosco la fanciulla si accasciò su un letto di foglie secche, noncurante del pericolo dell’oscurità. Non le importava più di ciò che le sarebbe accaduto, senza il suo Principe l’intera vita sarebbe stata come quella foresta, oscura e minacciosa.
Si rannicchiò accanto al tronco di un albero mentre cercava l’abbraccio di chi non c’era più, chiuse gli occhi e si abbandonò alle lacrime. Fu un pianto silenzioso e rassegnato, un pianto che commemorava tutti i loro ricordi, fu il pianto di chi sa che è andato tutto perduto.
Mentre piangeva la fanciulla non si accorse che l’albero al quale si era aggrappata aveva preso vita, non era un albero ma una strega malvagia che l’aveva seguita fin lì. I rami si fecero sempre più vicini e, quando lei aprì gli occhi, le sembrò che uno di essi le stesse porgendo una foglia vicino al volto. Ella la afferrò per asciugarsi le lacrime e lentamente cadde in un sonno profondo.
I due innamorati non seppero intuire che un potente stregone si era impadronito della mente del Principe per riuscire a separarli, perché anche le favole possono finire male…

Commenti

sulsecondobinario ha detto…
Nooooo...che favola è una che finisce male!
CosmoGirl ha detto…
Beh pensa se la favola di Biancaneve fosse terminata prima che il principe andasse a risvegliarla con un bacio...sarebbe finita così male...
Redazione ha detto…
E' troppo triste! Già c'ho la depressione della domenica sera...
Jessica ha detto…
Triste:(
Daniela ha detto…
ma no....uffi :(
Chiaretta ha detto…
Noooooooo dov'è l'happy end?? :'(
CosmoGirl ha detto…
@Tutte: la risposta ai vostri commenti la trovate qui: http://donneamoriealtriguai.blogspot.com/2011/06/udite-udite.html

Vi aspetto! :)
Anonimo ha detto…
sembra la storia della mia vita, è anche ora che qualche favola non finisce a tarallucci e vino, hanno stufato le smelenserie... ;-)
CosmoGirl ha detto…
Ci si augura sempre che le cose vadano per il meglio ma la vita reale purtroppo molto spesso non è così...

Post popolari in questo blog

L'uomo che non ci ama

Se ti lascia andare via

Il Narcisista