Il lieto fine di Aleja

di The White Bag


(la prima parte della Favola si trova qui)

A quel punto la principessa venne risucchiata dall’albero. Ella non riusciva a respirare, ma non opponeva resistenza, perché ormai tutto le sembrava insapore e incolore. Vedeva davanti a se tutti i suoi ricordi felici con il Principe e continuava a piangere a dirotto, cercando un qualsiasi avvertimento, un qualcosa che le avrebbe dovuto presagire quella fine ingiusta del loro amore.
Mentre vivide immagini le passavano davanti vide un dettaglio che non aveva notato prima: da un paio di giorni il Principe aveva indossato una strana spilla a forma di dragone, sul lato sinistro del mantello rosso. E la principessa notò anche che ad ogni parola cattiva che il Principe le diceva gli occhietti maligni del dragone risplendevano, come compiaciuti di quell’odio fittizio.
La principessa, sicura di aver trovato la causa della fine del loro amore riuscì a liberarsi dalla malefica stretta della strega maligna e cadde oltre l’albero, sembrando morta.
Di lì passava casualmente un contadino dai castani capelli e gli occhi scuri, che vedendola l’aiutò ad alzarsi e le carezzò dolcemente i capelli. La principessa le spiegò cosa le fosse accaduto e gli chiese se fosse stato così gentile da accompagnarla a palazzo.
Strana fu l’espressione del contadino ma rispose che sì, l’avrebbe accompagnata, se questo l’avrebbe resa felice.
Due guardie, poste all’entrata del castello le proibirono di entrare, perché si stava celebrando il matrimonio del Principe con una strana donna arrivata giorni prima , di cui il Principe si era follemente innamorato a prima vista.
La principessa capì che era in realtà la strega e ingannando le guardie riuscì ad entrare nella sala principale, dove il Principe si sarebbe sposato.
La cerimonia era già iniziata quando entrò la principessa nella sala, interrompendo il matrimonio.
Ma quello che vi trovò fu una semplice cerimonia, una donna bellissima e nessuna spilla attaccata al mantello del Principe.
L’uomo le venne incontro, dicendole che era felice di vederla, ma che i suoi sentimenti erano sempre gli stessi e la pregava di essere felice per lui, poiché con quella donna all’altare lui lo sarebbe stato.
La principessa, non riuscendo a resistere a quella visione gli disse che sarebbe stata felice per lui, sorridendo, mentre una lacrima la tradiva rigandole il viso.
E allora capì chi veramente l’amava e chi veramente lei amava, poiché amare vuol dire anche farsi da parte e essere semplicemente felice per chi si ama, anche se fa male.
Fuori dalla sala ritrovò il contadino, che teneva in mano una margherita e lo sguardo basso. Faceva piccoli cerchi con il piede sulle mattonelle della terrazza. Quando vide la principessa le sorrise, porgendole il fiore e le disse che lui l’amava, ma pur di renderla felice l’aveva accompagnata da un altro.
La principessa gli gettò le braccia al collo, baciandolo.
E vissero felici e contenti, questa volta per sempre.

Un grazie ad Aleja di The White Bag per il suo finale mozzafiato e per essere stata la prima! Passate a trovarla perché promette davvero bene!

*Questo post fa parte del progetto "Scrivilo tu il lieto fine"

Commenti

Aleja ha detto…
Grazie a te di avere pubblicato il mio finale e per aver dato questa opportunità :)
Chiaretta ha detto…
Evviva gli happy end!!!!!! Bravissima Aleja, complimenti per il bellissimo finale! ^_^
Aleja ha detto…
Grazie Chiaretta :D
Tata e mamma ha detto…
Ma che belloq uesto finale...è favoloso davvero..complimentoni ad aleja!!!!! e a te cosmo ovviamente!!!!
CosmoGirl ha detto…
Ah io questa volta non c'entro niente, il merito va tutto ad Aleja che ha coraggiosamente "aperto le danze"!

Post popolari in questo blog

L'uomo che non ci ama

Se ti lascia andare via

Il Narcisista