Il lieto fine di Michele_D



(la prima parte della Favola si trova qui)

[...]Infatti Ortensio Stregone possedeva una piccola bottega. Aveva aperto da poco, al centro della citta' incantata. Ai nuovi avventori regalava gadgets da poter usare insieme agli oggetti acquistati. Era curioso che avesse all'esterno del locale tre croci di Sant'Andrea consecutive.
Il principe che ogni mattina comprava dei fiori per la bella amata, scorse il nuovo negozio ed entro'. Era strana la luce che c'era dentro la bottega, una penombra mischiata a delle tinte rosse. Vendeva oggetti strani che non aveva mai visto prima. Erano delle semplici sfere di cristallo, ma con dentro qualcosa che lo stregone chiamo' "contenuto audiovisivo per pubblico adulto".
Poteva essere una sorpresa per la pricipessa, insieme al mazzo di fiori. Prese una a caso, e lo stregone gli diede una pozione fangosa da usare insieme. Le istruzioni erano all'interno della scatola, e per fortuna oltre all'inglese, norvegese e polacco, c'era anche l'incantatese.
Prese tutto e torno' a casa. La principessa non c'era, vide la sfera, e per ammazzare il tempo decise di leggere le istruzioni e provare. Gli serviva una mano, diceva il foglio, e la pozione e nient'altro. Comincio' a seguire quello che il foglio indicava e accese la sfera. Dopo i primi tentativi comincio' vedere che il suo acquisto non era stato sbagliato, ma che visto "i contenuti" alla principessa non era proprio giusto dirglielo! Mentre stava facendo questo pensiero, lei si paleso' dinnanzi e comincio' a dirgli quello che provava.

Lui era seduto li, sulla sedia con la sfera davanti. Non parlava anzi cercava di nascondersi quanto piu' poteva. Gli disse che era meglio se lo lasciava un po' solo. Ma lei non capiva e continuava a parlare e palesare quello che il suo cuore gli diceva. E ad avvicinarsi.
Come poteva fare?
Perche' non capiva che non era il momento, e che era meglio ascoltarlo?
Lei era tronfia del suo amore nell'aspetto piu' mieloso possibile. In un attimo d'ira gli disse parole che la sconvolsero. In un istante era fuori casa che fuggiva in lacrime.

Il suo onore era salvo! Un principe con una sfera con "contenuti per adulti" non si era sentito neanche nelle peggiori fiabe, e lui non desiderava essere il primo!

La notte incalzava e il principe comincio' a preoccuparsi. Decise di uscire a cercarla. Esamino' tutta la citta' incantata, osservo' in qualsiasi strada, vialetto e vicolo, ma nulla! Il bosco poteva essere stata l'unica meta! Fece pochi passi e la trovi li' a terra con un bernoccolo sulla testa, in ottimo stato confusionale. La prese in braccio e la porto' a casa. Il giorno seguente la principessa non ricordava nulla di quello che era accaduto, anzi parlava di un brutto sogno che lei aveva fatto. Senza neanche immaginare fosse stato reale.
Con questa convinzione...vissero felici e contenti

P.S.[Post Storia]
Una vecchietta racconto' di aver visto la principessa scappare con gli occhi pieni di lacrime e di aver preso in pieno volto un albero. Non la soccorse poiche' la risata fu talmente lunga da farle dimenticare l'accaduto e di averlo ricordato solo quando era giunta a casa.
Il principe, tra la folla, ascolto' e con il mazzo di fiori in una mano e con la sfera nell'altra rientro' a casa. La principessa era dalla regina madre, aveva tempo questa volta...
Mille grazie a Michele_D di A prova di Crash per questo finale...come dire...inconsueto che ci insegna che bisogna saper capire quando è il momento di dichiarare il proprio amore e quando no!!

*Questo post fa parte del progetto "Scrivilo tu il lieto fine"

Commenti

Artemisia1984 ha detto…
ah ah ah...
eh..i principi!!! Sempre meno azzurri e sempre più a luci rosse!!!
CosmoGirl ha detto…
Hai ragioneeee non ci avevo pensato ai colori!!!
filippodgiampapa ha detto…
AHAHAHAHAH madonna santa.

alla fine son muovi anche loro XD
CosmoGirl ha detto…
sono che??
Michele_D ha detto…
@Tutti: Grazie a tutti per i commenti! Anche se ancora non ho capito cosa voleva dire Filippo...nel dubbio, grazie anche a te!
fenicecherisorge ha detto…
divertentissimo!

Post popolari in questo blog

L'uomo che non ci ama

Se ti lascia andare via

Il Narcisista