Il primo appuntamento


 

ll primo appuntamento è un evento che per la maggior parte delle donne richiede un’attenta preparazione che molto spesso inizia una settimana prima.
Depilazione accurata, manicure d’obbligo, shopping preventivo e magari anche parrucchiere d’urgenza.
Nelle sere precedenti facciamo le prove dell’abbigliamento, del trucco e del parrucco, un po’ per non trovarci quella sera in preda al panico e un po’ per ingannare l’attesa che sembra non finire mai.
Arrivato il fatidico giorno proviamo un misto di paura ed eccitazione, paragonabile solo a ciò che prova un uomo, no, non prima del primo appuntamento bensì mentre guarda l’attaccante della sua squadra del cuore davanti al dischetto, prima di tirare un rigore.
Mi sono sempre chiesta perché proviamo tutta questa agitazione come se stessimo andando al patibolo.
Del resto cosa potrà mai succedere?

L’appuntamento potrebbe andare alla grande, il che sarebbe una cosa positiva di cui essere felici.
Oppure potrebbe essere un proverbiale fiasco, cosa che ci porterebbe a preoccuparci solo di come scaricare il mal capitato.
Quindi dove sta il motivo di tanto rumore per nulla? Sarà mica che un primo appuntamento è un po’ come un esame da superare?
Saranno forse le nostre insicurezze a scatenare in noi il panico?
Se non gli piaccio? Se parlo troppo? Se mi si smagliano le calze? Se mi rimane il prezzemolo tra i denti e continuo ignara a sorridere per tutta la sera?
Tutte cose che contribuiscono a renderci così agitate da alzare notevolmente le possibilità di fare una brutta figura.
Il problema secondo me sta nel fatto che ci preoccupiamo troppo di noi e dell’impressione che faremo sul lui in questione, dimenticandoci che è anche lui a dover fare una buona impressione su di noi.
Non è un esame da affrontare ma un esame da fare!
Ricordiamoci che siamo lì per divertirci e osservare. Un po’ come delle spettatrici che mostrano poco di sé  e valutano molto chi hanno davanti.
Se saremo rilassate di sicuro riusciremo a essere noi stesse e a tirare fuori il meglio di noi e in più potremo concentrarci su di lui per capire se ci piace, se ci ha colpito e soprattutto per decidere se rivederlo di nuovo!
Pensiamo che siamo noi che gli stiamo dando una possibilità e che è lui a doversi giocare bene il rigore! (psicologia inversa!!)
Ricordate inoltre che gli uomini sono la peggior specie di predatori presente in natura e se vedono qualcosa servito lì su un piatto d’argento, anche se è la preda più prelibata a cui possano ambire, la svalutano.
Quindi ricordiamoci che, come dice la famosa pubblicità, “noi valiamo” ed è lui a dover conquistare noi, in caso contrario il messaggio subliminale che lanceremo dovrà essere: “non sai cosa ti sei perso!”
Ps. Portate un paio di collant di riserva nella borsa e non ordinate cibo con il prezzemolo, non si sa mai!

Commenti

Fioly ha detto…
ah ah bel post!
come è bella e irripetibile, anche, quell'ansia da primo appuntamento ;)
CosmoGirl ha detto…
Ti ringrazio! Benvenuta! :)

Post popolari in questo blog

L'uomo che non ci ama

Se ti lascia andare via

Il Narcisista