Liberarsi da una dipendenza

Sto smettendo di fumare. Non sto usando cerotti. Nessun terrorismo psicologico stile foto di polmoni maciullati. Niente autoimposizione o sofferenza.
L'autore spiega che per liberarsi di una dipendenza serve a poco imporsi delle decisioni e sforzarsi come bestie facendo appello alla forza di volontà. Il metodo del mio nuovo amico, Allen Carr, va a minare i motivi per cui fumi e a farti capire che sono pure illusioni che ti dai per giustificare a te stesso e agli altri la tua dipendenza.
Riflettendo sulle dipendenze mi sono accorta che oltre alle dipendenze da droghe, alcol e nicotina esiste un'altra dipendenza di cui forse ignoriamo l'esistenza.
La dipendenza da una relazione. Vi è mai capitato?
Ti rendi conto che quella cosa ti fa male ma non riesci a smettere. Pensi che la tua vita sarà uno schifo se te ne privi. Sei convinto che passerai le pene dell'inferno e che ne sentirai la mancanza per sempre. 
Pensandoci bene vale sia per le sigarette che per una relazione.
Uno degli inganni di cui parla il signor Carr è il fatto che i fumatori si illudono che gli piaccia fumare. Molto spesso avviene così anche con un uomo, di cui ci convinciamo di essere innamorate anche se ci sono tutti i presupposti per evitarlo come la peste!
E' la paura. Staccarsi da una dipendenza fa una paura fottuta. Perciò, per autoassolverci, ci inventiamo ogni genere di scusa. “Non posso vivere senza di lui”, “Lo amo, per questo sopporto che mi fa soffrire”, “Mi manca da morire”.
Molto spesso tutto questo non è vero.
Non è vero che non possiamo vivere senza una persona, come non è vero che non possiamo vivere senza le sigarette.
Non è vero che le sigarette ci piacciono ma ci convinciamo di questo per giustificare la nostra coglionaggine di non smettere. Allo stesso modo se un uomo ci fa stare male ripetutamente è altamente probabile che i sentimenti per lui siano svaniti, ma poiché ormai ne siamo dipendenti e non riusciamo a staccarci, ci diciamo che il motivo è che lo amiamo. Balle! Siamo solo delle tossicodipendenti! Ed è chiaro che ci manca, chiedete a un tossico se non ha le crisi di astinenza!

Una volta assodato che il motivo per cui continuiamo a stare con lui è solo che ne siamo dipendenti, che si fa?
Sapete come fa Allen Carr a far smettere milioni di persone da trent'anni a questa parte?
Ti fa capire che ti stai prendendo per il culo da solo.
Fumi per rilassarti? Pensaci, le sigarette ti rilassano davvero? Tutti sappiamo di no, bensì la nicotina è una sostanza eccitante.
Fumi per noia? Dopo la sigaretta ti senti meno annoiato? Direi di no. E cosi via.
Io credo che la stessa cosa si possa applicare in una relazione.
Non dobbiamo torturarci imponendo a noi stesse di lasciare un uomo dal quale siamo dipendenti, perché come per le sigarette, più saremo tristi e più cercheremo la nostra droga.
Dobbiamo riflettere sul perché non lo lasciamo.
Cerchiamo in lui affetto e amore? Ma se la maggior parte del tempo ci fa soffrire, davvero otteniamo ciò che cerchiamo?
Cerchiamo sostegno e aiuto? Ma se quando soffriamo ci ritroviamo sempre da sole che sostegno ci da?
Vorremmo un compagno per la vita? Riflettete: lui lo è davvero?
Sembra banale ma se non ci da ciò che cerchiamo, cosa ci stiamo insieme a fare?? Pensateci!
Ogni volta che sentite il desiderio di cercarlo ripensate non alle cose negative che vi dava ma a quelle positive che non vi dava. Pensate che ciò che cercavate in lui non lo trovavate e che vi stavate illudendo da sole.
Se ogni volta che vi verrà voglia di vederlo o sentirlo vi chiederete se da quella telefonata o da quell'incontro riceverete ciò che cercate e ciò che vi rende felici, se penserete a come vi sentirete dopo o peggio ancora durante, molto probabilmente vi fermerete.
Il segreto è non viverla come una privazione ma come una gioia. Non state facendo a meno di qualcosa di positivo per cui perché dovreste sentirne la mancanza? Ogni volta che sentite il desiderio, pensate che vi state liberando da una dipendenza e per questo siete delle gran fighe e comincerete a stare meglio giorno dopo giorno!

Io dico che Allen Carr c'ha ragione!

Commenti

Blog Surfer ha detto…
azz.... mi hai fatto venir voglia di accendermi una sigaretta e di chiamare quella stronza della mia ex ...


;))))
CosmoGirl ha detto…
Nooooooooo ma come??? :D
Comincio a credere che ti diverti a prenderti gioco di me!!
la fenice ha detto…
Basta!!! Anche io ora voglio smettere di fumare!!!
complimenti per il Blog!!!
CosmoGirl ha detto…
Grande!!! E' una battaglia ma io ne sono orgogliosa ogni minuto che passa! Tienimi aggiornata e grazie per i complimenti!
IlGiardinODellEViolE ha detto…
Tesora... mi rendo conto che non faccio altro che quotare tutto ciò che scrivi. niente da fare, la pensiamo uguale! ovviamente io la penso come te perchè questa cosa l'ho vissuta! dopo 16 anni con il mio compagno, con una storia portata all'esasperazione, decido di dire basta. Vado al supermercato avvolta dalla mia tristezza infinita e mi viene uno di quegli attacchi di panico/ansia e scoppio a piangere e mi dico.. "ma io non voglio che finisca"! allora lo richiamo e gli chiedo scusa scusa scusa....
dopo un mese ci siamo lasciati definitivamente...quello che non ti ha dato ieri, non può dartelo nemmeno domani.. hai detto bene, NON PRENDIAMOCI PER IL CULO DA SOLI.. se una storia non va... NON VA! :) hommm
sospesanelviola ha detto…
io fumo ma molto raramente...il motivo per cui lo faccio è davvero banale...mi capita solo in compagnia o quando sono molto nervosa...detto ciò non ho mai avvertito l'esigenza di smettere perchè non ne ho mai avuto una dipendenza!!e per fortuna!!!però se evitassi anche quelle 2/3 sigarette al mese sarebbe anche meglio ;)
per quanto riguarda le relazioni...è vero ci sono molte relazioni che creano dipendenza,,,ma molto spesso a tenerci legate a qualcuno è la paura di rimanere sole!
CosmoGirl ha detto…
@IlGiardinODellEViole: Posso chiederti ora come ti senti? Ti senti felice o ti manca? L'hai vissuta come una privazione o come una liberazione?
Un abbracccio grande
CosmoGirl ha detto…
@sospesanelviola: hai ragione, il più delle volte è paura di rimanere sole. Posso dirti che anche per le sigarette funziona così quando ne sei dipendente. Ti sembra che la vita non avrà più senso se non ci saranno loro a darti conforto e sostegno. Invece quando te ne liberi ti rendi conto che la vita te la godi di più! Rendo l'idea?! :)
Eva ha detto…
Certo che ha ragione... su tutta la linea.
Letto 1652 volte. Risultati: ZERO.
LTfgg ha detto…
Bell'argomento. Bel post.
E belle parole.
Mi saranno utilissime, non per smettere di fumare perché non ho mai iniziato fortunatamente, ma per smerdazzare le mie colleghe acide! Tiiiièèèèèè!
(oggi mordo! :D)

un bacione
CosmoGirl ha detto…
@Eva: no, veramente? :( Non è che la cosa mi incoraggi molto... Perché pernsi non abbia funzionato?
CosmoGirl ha detto…
@LTfgg: ahahhaha bella giornatina oggi, eh? :)
Scusa ma in che modo le smerdazzi? Sono curiosa! ^__^
Marta Traverso ha detto…
Pensa che conosco diverse persone che hanno smesso di fumare leggendo quel libro.. e ne esiste uno analogo (presumo anche con lo stesso autore) sul perdere peso..

Trovo un po' "triste" tuttavia che si debba acquistare un libro per rendersi conto che è solo con la forza di volontà e l'auto-consapevolezza che ci si libera dalle dipendenze...
IlGiardinODellEViolE ha detto…
Cosmo... la mia sensazione ora è incredibile! mi sento LEGGERISSIMA, sento di avere iniziato a volermi bene, sento di aver ripreso in mano le redini della mia vita, sento di poter decidere ed essere padrona di me stessa, insomma mi sembra di poter spaccare il mondo. Tutto questo è accaduto dopo un lungo processo di meditazione e sofferenza.. certo.. mi sento maturata, cambiata. ora vedo le cose sotto un altra luce. No, non mi manca, e quando minimamente ripenso a lui.. penso ai suoi difetti e a quanto di meglio c'è al mondo e tutto si cancella.. certo non è facile, purtropop devo aver a che fare con lui quasi quotidianamente per via della nostra bimba e questo è il momento più difficile, ci sono molte cose da decidere e si litiga molto, ancora più di prima, non credevo di arrivare a tanto e nemmeno che lui fosse di una tale bassezza.. ma in queste occasioni vedi come sono realmente le persone, e non passa giorno in cui non sono felice per la scelta che ho fatto. Finalmente sorrido al mondo.
Un abbraccio
CosmoGirl ha detto…
@Marta: in realtà la forza di volontà è proprio ciò che non devi usare se non vuoi fallire miseramente. Il libro serve di più a farti raggiungere l'autoconsapevolezza, facendoti capire che le motivazioni per cui fumi, tutte quelle giustificazioni che dai a te stesso, sono una presa in giro. E, cosa più importante, mira a farti un contro lavaggio del cervello. Comunque sono tutti meccanismi mentali che i fumatori conoscono bene.
Io credo che piuttosto che ricorrere a cerotti e gomme da masticare, magari è meglio leggere un libro, soprattutto se poi non patisci le pene dell'inferno per smettere ma ti senti felice!
CosmoGirl ha detto…
@IlGiardinODellEViole: che bello il tuo commento! Dalle tue parole traspare proprio la tua serenità e la tua voglia di vivere e soprattutto la lucidità che hai acquistato. Sono davvero, davvero felice per te!
Redazione ha detto…
Ciao Cosmo,
anche se non grazie al libro mi sono liberata qualche anno fa di una relazione malata, con un ragazzo molto figo che però mi faceva solo soffrire. Non lo faceva con cattiveria, eravamo semplicemente incompatibili. Da tossica com'ero pensavo che la sua mancanza di intenzionalità fosse abbastanza per sopportare e per continuare a stare con lui.
E poi ho pure smesso di fumare e ho iniziato ad andare in palestra.
Ora sto da dio: ho un ragazzo fantastico da 5 anni. E' una persona che non vedo l'ora di vedere, perchè parlare con lui e stare con lui MI FA STARE BENE.
Pensavo che non fosse possibile stare così bene con un'altra persona, pensavp che la vita fosse un continuo compromesso. Ora so che non è vero: ora so che si può avere esattamente quello che si desidera.
Grande Cosmo!!!
CosmoGirl ha detto…
@Redazione: ma che bello! Grazie per il tuo commento! E' confortantante sapere che la vita può non essere un continuo compromesso. A volte oltre a pensare alla non intenzionalità, pensi anche che sia un po' colpa tua, che se magari tu ti comportassi in un altro modo le cose andrebbero meglio e così non ne esci più...
Posso chiederti a te cosa ha fatto scattare la molla per "smettere"?
Baciiii
Robilandia ha detto…
Non fa una piega. E non posso che essere orgogliosa di me per tutte le volte che ho trovato la forza di smettere! Baci!
CosmoGirl ha detto…
Brava! Complimenti! :)
Baci
Finalmentemamma ha detto…
quanto sono vere le cose che scrivi...anche io una volta ero dipendente da una relazione orribile, già era a distanza e poi lui mi tradiva in continuazione non ne avevo la certezza ma me lo sentivo...e dicevo che cmq lui poi tornava da me che mi amava e che piano piano sarei riuscita a cambiarlio? Sai chi mi ha aperto gli occhi? Il suo migliore amico...mi ha detto..senti tu seii una brava ragazza non ti rovinare la vita conuno str... come lui..non ti ama se ti tratta così...e poi credimi puoi trovare di molto meglio! sentirlo dire da una prsona vicina a lui e non ame mi ha fatto capire l'errore che stavo facendo e...vedendo com'è bella ora la mia vita e la mia famiglia non posso che dargli ragione ogni giorno...è stata dura ma ti assicuro che anche se ho trascorso mesi a piangere...sono felicissima di come siano andate le cose!!!

il tuo blog mipiace sempre di più!!!
CosmoGirl ha detto…
Grazie mia fedele lettrice!! :)
Cavolo, dev'essere stata dura sì ma è vero, a volte accadono certe cose che improvvisamente ti fanno aprire gli occhi. I primi tempi sono duri, anche perché non sai se quella persona meravigliosa (che tu hai trovato) arriverà ma mantenere la razionalità e pensare ai fatti concreti aiuta.
Grazie del tuo commento!
Baci

ps. ho pronto il post sull'award, tra poco lo pubblico!!
Francescast.84 ha detto…
Ma lo sai che molte mie amiche hanno smesso di fumare grazie a questo libro ... lo dovrò assolutamente leggere anche io, visto che sono una tossica per questa cosa del fumo ... ma che ci posso fare se amo la sigaretta dopo il caffè, purtroppo la odio quando lo faccio perchè sono annoiata, stressata e ansiosa ... ho promesso, che dopo la laurea, dove non avrò più ne scusanti e ne giustificazioni, ci proverò! :P

Cmq son del parere che tutto dipende dall'amore che prima di tutto dobbiamo provare per noi stessi, anche io sono purtroppo incappata in quelle storie che fanno male, e fanno male da morire, perchè ti tengono attaccate in modo ossessivo a quella persona senza riuscire a spiegartene il perchè, anche se tutto questo ti logora e ti sfinisce. Nonostante le mie insicurezze, son sempre stata ferma sul fatto che il coraggio + grande sia quello di saper dire Basta anche quando non se n'è convinte, ma solo per il nostro bene. Tutto questo può apparire pura retorica, ma è anche vero, che come siamo ferme nel voler arrivare da qualche parte, dobbiamo anche avere il coraggio di non negare mai l'evidenza. Accettare che molto probabilmente non siamo noi le persone adatte per lui, che la guerra porta sempre un vincitore e un perdente, e accettare il fatto che non sempre possiamo portarla alla fine con la strategia che avevamo progettato, e quindi con un conseguente ritiro, ma sempre a testa alta.
Noi non siamo speciali per tutti, e l'amore va ricordato come qualcosa di bello, dove l'emozione sale sempre di più fino a bloccarti il respiro ... io la sofferenza la lascio a qualcun altro che si vuole fare male così tanto perchè ha paura di rimanere sola. Però ricordati, che solo quando imparerai il valore di cosa vuol dire rimanere soli con se stessi, che riuscirai a trovare il giusto equilbrio per stare anche con gli altri. Chi non ti merita e non ti desidera, è giusto che sia lasciato andare, è una strada che porta a un vincolo cieco. Invece noi dobbiamo sempre cercare quella dove il sole batte 24 ore su 24!

baci
CosmoGirl ha detto…
Quanta pace traspare dalle tue parole...sembra davvero che tu abbia trovato un tuo equilibrio, una sorta di resa di fronte alle evidenze e a ciò che non puoi cambiare.
Sono d'accordo con te sul fatto che sia importante apprezzare il piacere di stare soli con se stessi, è ciò che ti consente di relazionarti con gli altri nel modo migliore ma...come ho già detto in "Single o non single" a volte si sente il bosogno di avere qualcuno. E' sbagliato però accontentarsi pur di non rimanere da sole, rischiando di perdere la vera felicità.
Un abbraccio alla mia saggia "Carrie"!!
Charlie68g ha detto…
Cavolo!!!!
Io quel libro ho smesso di leggerlo a 5 pagine dalla fine.
E d'altra parte sarebbe stupido provare a smettere di fumare proprio adesso che ho comprato due stecche di sigarette a Praga.
Per l'amore invece non c'è problema, non ce l'ho :-)
Facciamo così, se trovo l'amore provo a smettere di fumare, sempre che lei non sia una fumatrice :-)
CosmoGirl ha detto…
Non me lo dire, anch'io ho qui una stecca quasi intera!
Comunque anch'io ero tentata di smettere di leggerlo, ma è vero quello che dice lui, è la paura che ti assale!
Per l'amore invece che dire...ti faccio i miei auguri e spero che non sia una fumatrice! :)
M.I. ha detto…
Sai cos'è, è che le cose cominci a vederle davvero così quando ne sei già un po' fuori, quando già il livello di saturazione comincia a uscire dalle orecchie...
...chi ci è ancora "dentro" e legge questo post di sicuro troverà ANCHE delle giustificazioni per non credere a queste stesse parole!
La verità Cosmica, è che gli occhi e il cuore sentono quello che vogliono sentire, nel bene e nel male, e ci convinciamo che le nostre congetture, che siano pessime o siano idilliache, siano la verità, quando invece dovremmo accettare come dicevamo l'altra sera, che molte verità non le sapremo mai, che non avremo MAI la chiave per accedere a una persona in toto, perchè secondo te? Perchè se ci rifeltti non accade nemmeno il contrario....ci sono molte cose di noi, che loro nemmeno immaginano...perchè non dovrebbe essere l'inverso?
La mente vede quel che vuol vedere, sempre, in bene o in male, purtroppo!
ESTICAZZI!!!! :)
CosmoGirl ha detto…
Secondo me la verità Cosmica (hahahaha strabello!!) è non smettere mai di guardare in faccia la realtà, non aver paura di scoprire che dietro a quelle mezze verità ci sia la vera verità, anche se fa male. Hai ragione, non si può accedere a una persona in toto, certe cose non ti è dato saperle, ma è molto diverso che accettare le bugie e le prese per il culo!
Anonimo ha detto…
sono incappata in questo blog praticamente per caso...nonostante siano passati due anni dalla pubblicazione di questo articolo, voglio, devo ringraziarti, perchè per la prima volta mi vedo come sono: dipendente e drogata del mio amore sbagliato. ho spesso detto che ne ero "dipendente", ma solo adesso, leggendo le tue righe, sono cosciente del significato vero di questa dipendenza. prima non c'ero arrivata....ti assicuro che mi si è aperto qualcosa dentro, qualcosa di nuovo, che nonostante dieci anni di riflessioni e introspezione, non avevo ancora veramente compreso...lo dicevo, ma non lo "sentivo".... boh..che dire...una svolta...almeno spero!
CosmoGirl ha detto…
Wow....sapere che qualcosa che scrivo possa servire a una persona in un momento difficile è una cosa che mi fa sempre un certo effetto, quindi grazie per non essere passata oltre dopo aver letto ma di avermi lasciato un commento.

Spero davvero che per te ci possa essere una svolta se non stai bene dove e con chi stai, se davvero pensi di vivere una "relazione dipendente" in rete troverai molti ottimi consigli per la "dipendenza emotiva", dacci un'occhiata se ti va.
Un abbraccio forte, coraggio che ogni momento brutto è solo una parentesi di una vita intera!
Fammi sapere
C.G.
Anonimo ha detto…
Scusate leggo ora per caso questo blog anche se sn passati diversi anni...cercavo un sostegno per cercare di staccarmi da una relazione malata di dipendenza ed in più a distanza che mi sta levando la vita. Grazie per i consigli e per i vs commenti...ne farò tesoro devo uscirne assolutamente prima di impazzire...perché voler stare cn qualcuno che è fonte della ns infelicita se ci vogliamo bn?

Post popolari in questo blog

L'uomo che non ci ama

Se ti lascia andare via

Il Narcisista